Formatasi alla facoltà di Design del Politecnico di Milano, Chiara Moreschi si occupa di disegno industriale dal 2005. Collabora con diverse aziende curando progetti di design del prodotto, allestimenti e consulenza grafica. Tiene lezioni e workshop in diverse scuole di design e università, tra cui il Politecnico di Milano, l’Università di San Marino, l’Istituto Marangoni e il Naba. I suoi progetti sono stati selezionati per diverse mostre italiane e internazionali, tra cui l’edizione aggiornata della mostra The New Italian Design 2.0 curata da Silvana Annichiarico e Andrea Branzi presso la Triennale di Milano nel 2010.
Nel 2011 è stata scelta da Persol come testimonial per la campagna “A work of Persol” che coinvolge artisti e designer provenienti da tutto il mondo, e ha realizzato per l’occasione l’opera “Beauty is Never Useless”, entrata a far parte della collezione d’arte privata di Persol ed esposta al pubblico in occasione di Art Miami nel 2011.
Attualmente collabora stabilmente con lo studio di Matteo Ragni.
Tra i suoi clienti: Alessi, Persol, Pinetti, Edizioni Corraini, Way Point, Max&Co., Tobeus, Outlook Design Italia, Il Coccio, United Pets, Frascio, Magppie.

Chiara Moreschi studied at the Faculty of Design of the Milan’s Politecnico, and she deals with industrial design since 2005. She collaborates with various companies taking care of product design, exhibit and graphic consultancy projects.
She held lectures and courses in different schools of design, including the Milan Polytechnic, the University of San Marino, Istituto Marangoni, Naba. Her projects have been selected for various Italian and international exhibitions, including the updated edition of the exhibition The New Italian Design 2.0 curated by Silvana Annichiarico and Andrea Branzi at the Milan Triennale in 2010.
In 2011 she was chosen by Persol as a testimonial for the campaign “A Work of Persol” involving artists and designers from all over the world, and she designed the piece “Beauty is Never Useless”, that became part of the private art collection of Persol and have been exposed to the public at art Miami in 2011.
Currently she collaborates steadily with Matteo Ragni Design office.
Among her clients: Alessi, Persol, Pinetti, Edizioni Corraini, Waypoint, Max&Co., Tobeus, Outlook Design Italia, Il Coccio, United Pets, Frascio, Magppie.

Beauty Is Never Useless
A work of Crystal

Persol, 2011

Una superficie preziosa, la dimensione di una tela per raccontare una piccola storia, quale rapporto esiste tra funzione, arte e bellezza?

Come per Persol questi fattori contribuiscono in armonia a creare icone senza tempo. Nessuna subordinazione, la bellezza si esprime nella pura coincidenza di innumerevoli fattori in relazione al contesto, brilla nella semplicità e nel buon disegno dei piccoli oggetti di cui ci circondiamo, ci trafigge quando riusciamo a stabilire un contatto emotivo con un’opera d’arte che contempliamo.

La bellezza è comprensione, è funzione, è tensione divina, è meraviglia, è tecnica, è nutrimento... la bellezza non è mai inutile, nella misura in cui si trasforma in contatto.

L’opera “Beauty is never useless” ci invita a guardarla e a stabilire con lei una successione di punti di contatto e comprensione, una vista distratta ci permette di percepire la bellezza della materia di cui è composta, perfetti cristalli sfavillanti.

Ad uno sguardo più attento, svela un messaggio composto dal susseguirsi di lettere formate da una superficie a specchio in cui è possibile riflettersi o scegliere di riflettere.

A precious surface, the dimensions of a canvas tell a story, what is the relationship between function, art and beauty?

As for Persol, these factors coexist harmonically creating timeless icons. Through no subservience, beauty unveils itself in the pure concurrence of various elements in relationship to its context.
Beauty shines through the purity and good design of the simplest objects surrounding our lives, beauty pierces us when we finally establish an emotional contact with the art work we contemplate.
Beauty is conception, function, divine tension, wonder, technique, nourishment … beauty is never useless, when transformed into contact.

“Beauty is never useless” invites us to interact with the work itself, while connecting with it through various layers of contemplation and conception. At first glance this piece allows us to perceive the beauty of its materials, perfect shimmering crystals; a closer look reveals a message spelt in mirrored surface letters, on which the viewer and its surroundings are reflected.